"Alborada del gracioso" di Maurice Ravel

Hey! Ma che gli prende a quel pianista? Muove le sue mani come tante zanzare golose intente a punzecchiarti le dita. Hai notato che velocità, che abilità? Le dita corrono e si rincorrono, saltellano, rimbalzano, guizzano, danzano, martellano e scappano in un turbinio di ritmi e melodie sfuggenti.

 

Ci vuole proprio un grande pianista come Svjatoslav Richter per suonare un pezzo del genere.

Un omone grande e grosso dal cuore gentile e dalla mano d'acciaio. Un musicista davvero formidabile alle prese con un brano altrettanto formidabile.

 

Chi l'ha scritto? Maurice Ravel. Un omino minuto e molto riservato che ha saputo scrivere tra le più belle e avvolgenti musiche che abbia mai ascoltato. 

Ormai la lista dei miei compositori preferiti si sta allungando a dismisura!